L’informatica e la sua scienza

28 giugno 2006 § 2 commenti

Ho letto su Computer Programming di questo mese un articolo di Giuseppe Monterosso intitolato “Informatica: digressione sul termine”. L’articolo si pone il problema di definire in maniera universale il termine Informatica, ma la cosa risulta abbastanza complessa, sia perchè l’uomo comune associa al termine qualunque cosa abbia a che fare con un computer sia perchè il richiamo al concetto di informazione rischia di coinvolgere tutto lo scibile umano.

L’autore si chiede inoltre se l’informatica può essere considerata una scienza e cita un brano di Wikipedia in cui si afferma che “il problema fondamentale che rende difficile inquadrare l’informatica come una vera scienza sta nella sua frammentarietà e nella mancanza di un fondamento teorico unificante“.
Qui, a mio parere, c’è un errore di fondo che andrebbe analizzato.

Quando mi sono iscritto all’Università ho scelto il corso di Laurea in Scienze dell’Informazione ed una delle prime cose che il professore di Teoria ed Applicazione delle Macchine Calcolatrici (TAMC per gli amici…) ci ha chiarito è che c’è una netta distinzione tra la Scienza dell’informazione (quella che gli inglesi chiamano, in modo forse un po’ ambiguo, Computer Science) e l’Informatica. La prima è una branca della matematica che si occupa di studiare i problemi relativi alla rappresentazione dell’informazione, alla calcolabilità dei problemi, alla definizione di grammatiche formali e di automi, ecc. La seconda è una disciplina che si occupa dell’applicazione dei risultati della Scienza dell’informazione nel campo pratico.
A tale proposito mi è venuto in mente una citazione di Edsger dijkstra, uno dei padri fondatori della Computer Science: Computer science is no more about computers than astronomy is about telescopes (La scienza dell’informazione ha a che fare con i computer nè più nè meno come l’astronomia ha a che fare con i telescopi).

La cosa può lasciare di stucco chi non è addentro alla materia, ma posso testimoniare che la cosa è tremendamente vera! Io avrei potuto benissimo laurearmi in Scienze dell’Informazione senza aver mai visto un computer, ma sapendo dimostrare (all’epoca, naturalmente :-)) cosa un computer può fare e cosa non potrà mai fare! Per la cronaca, queste problematiche sono state affrontate da logici e matematici come Goedel e Turing prima ancora che nascesse il primo computer!

In conclusione, la scienza dell’informazione ha a che vedere con i fondamenti teorici dei sistemi di elaborazione. Che essi siano computer basati sulla tecnologia digitale, che siano strumenti meccanici, che siano automi biologici poco importa. Definire e gestire la tecnologia utilizzata per realizzare e rendere operativo un sistema di elaborazione è compito dell’Informatica.

Annunci

Tag:,

§ 2 risposte a L’informatica e la sua scienza

  • Nadia D'Amore ha detto:

    Adesso ho capito!!! Ho capito perché sono affascinata da tutti i tuoi articoli (ti seguo da anni, dagli anni 90, quando compravo mensilmente DEV e CP) e condivido la totalità delle tue opinioni.
    Sei un GRANDE dell’informatica ed una persona davvero molto intelligente e preparata, direi geniale.
    Forse già lo sapevo, ma l’avevo dimenticato: sei laureato in Scienze dell’Informazione come me; ecco perché sentivo quest’affinità come se stessimo parlando “la stessa lingua”. Ma la nostra è una laurea antica e poco conosciuta rispetto a “Informatica” e mi è sempre stato difficile, se non impossibile, far capire, ad esempio, che le mie competenze e capacità sono si dovute alla passione per la programmazione e al fatto di essere naturalmente portata per tale attività, ma alla base di tutto c’è quello che ho studiato a Salerno e come mi è stato insegnato… In realtà devo tutto ad alcuni docenti illuminati che erano e sono ancora dei fuoriclasse. I laureati in Informatica non hanno la nostra stessa capacità di cambiare linguaggio ed essere operativi in due mesi al massimo. Non dico altro e mi fermo a questo, perché ho notato, in tanti anni di osservazione, che le differenze ci sono e sono davvero profonde.
    Ti faccio tantissimi complimenti per il tuo lavoro. Leggere quello che scrivi mi arricchisce. Ti ringrazio di esistere.

    • Andrea Chiarelli ha detto:

      Ti ringrazio per i complimenti, anche se… un tantino esagerati 🙂
      E’ da un po’ che non scrivo sul blog. Chissà, forse è l’ora di ricominciare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo L’informatica e la sua scienza su Andrea Chiarelli.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: