Le (brutte) parole dell’informatica

29 agosto 2008 § 1 Commento

Premetto di non ritenermi un purista della lingua italiana, cioè uno di quelli che evitano per principio i termini stranieri e che storcono il naso di fronte ai neologismi.
Uso qualche parola straniera (spesso pronunciandola male), non mi scandalizzo di fronte a termini come zippare, faxare, crackare e simili e mi piace inventare termini fantasiosi, ma che uso soltanto giocando con mia figlia 🙂


Devo dire però che di fronte ad acrobazie linguistiche come downloadare o uploadare mi si accappona un tantino la pelle!
Non parliamo poi dell’equivoco verbo processare. Quanti poveri dati hanno subito processi sommari senza avere nemmeno un avvocato d’ufficio…
Ragazzi, per processare i record di una tabella ci vuole un capo d’imputazione. Forse sarebbe meglio elaborarli, che ne dite?

Annunci

Tag:, , , ,

§ Una risposta a Le (brutte) parole dell’informatica

  • Lorenzo ha detto:

    Ah Ah! Hai perfettamente ragione!

    Mi permetto di aggiungere:

    – detto di una dimostrazione “triviale” che in Italiano non e’ proprio il corrispondente dell’Inglese trivial
    – “provvedere” come traduzione di “provide” (mettere a disposizione)

    e dulcis in fundo: “eventually” (noto false friend Inglese) soprattutto nelle logiche modali tradotto con “eventualmente” invece di “alla fine” (notare che il significato di eventualmente e’ decisamente differente)

    😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Le (brutte) parole dell’informatica su Andrea Chiarelli.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: