Buzzword programming

18 aprile 2015 § Lascia un commento

Blah-Blah-Blah-Jargon-Buzzwords-300x206Leggo su TechRepublic che la programmazione funzionale sta per diventare di moda. Non so se questo sia un bene o un male. Non mi riferisco alla programmazione funzionale in sé, ma al fatto che stia diventando di moda, mainstream come dicono gli americani.

« Leggi il seguito di questo articolo »

C’è app e app…

30 ottobre 2012 § Lascia un commento

Mobile apps

Fonte: Cristiano Betta su Flickr

Un po’ sulla scia delle dichiarazioni di Zuckerberg a proposito della scelta di fare marcia indietro nella creazione di app basate su HTML5, ho seguito alcune discussioni online e offline sulla validità dell’approccio nativo rispetto a quello Web o viceversa. Spesso ho avuto l’impressione che i sostenitori di una corrente di pensiero e dell’altra sostenessero le loro tesi un po’ per partito preso, probabilmente ignorando i dettagli della soluzione antagonista. Tra l’altro, sembra essere quasi ignorata o sottovalutata l’esistenza di una terza alternativa, quella della app ibride.

Proverò in questo post a delineare i tre approcci e i relativi vantaggi e svantaggi che presentano nello sviluppo di app per le più diffuse piattaforme mobile.

« Leggi il seguito di questo articolo »

Exit strategy, un aspetto da non sottovalutare

9 ottobre 2012 § Lascia un commento

Uscita di sicurezzaTra le mie reminiscenze letterarie c’è la confidenza di un investigatore che, quando entra in un locale, la prima cosa che prova ad individuare è la via di fuga, le uscite di sicurezza o secondarie. Non soltanto per se stesso, nel caso la situazione prendesse una brutta piega, ma anche per capire da dove possono sparire i soggetti sospetti.
Confesso di non essere in grado di risalire alla fonte di questo ricordo che probabilmente a prima vista non si presenta come un grande esempio di pensiero positivo: appena entrati pensare a come uscire non è certo il massimo dell’ottimismo, ma in certi contesti può aiutare a salvare la vita.

« Leggi il seguito di questo articolo »

Facebook e HTML5: i dolori del giovane Zuckerberg

17 settembre 2012 § Lascia un commento

Mark Zuckerberg

Fonte: JD Lasica su Flickr.com

E’ ormai risaputo che viviamo in un mondo facilmente influenzabile. Basta che qualcuno con una certa notorietà si pronunci, talvolta anche solo di striscio, su una determinata questione che le sue parole vengono prese come legge, spesso travisando quello che effettivamente è stato detto. Un recente esempio è la dichiarazione di Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, a proposito di HTML5.

« Leggi il seguito di questo articolo »

Una guida su ASP.NET Web API

27 agosto 2012 § 2 commenti

ASP.NET Web APIFino a qualche tempo fa il supporto di Microsoft alla creazione di API in modalità REST non era del tutto lineare. Erano disponibili due stradesfruttare WCF, il sottosistema di .NET dedicato alla costruzione di applicazioni service-oriented, o adottare una libreria esterna, come ad esempio OpenRasta o Service Stack. Il primo approccio non era così immediato mentre il secondo comportava una scelta tra pacchetti non sempre stabili, completi o ben documentati.

Da alcuni mesi è però disponibile ASP.NET Web API, il pacchetto ufficiale per la realizzazione di API RESTful con ASP.NET.

« Leggi il seguito di questo articolo »

Quel che sfugge della PEC

6 giugno 2012 § Lascia un commento

PECUn post di Andrea Rui sul perché è meglio evitare la PEC ed uno scambio di battute su LinkedIn mi riporta a riaffrontare l’argomento dopo aver esposto in passato a più riprese il mio punto di vista. Sia chiaro, non è che la PEC mi sia così simpatica, ma le obiezioni riportate dal post ed emerse dalla discussione mi fanno pensare che c’è qualcosa dell’obiettivo della Posta Elettronica Certificata che continua a sfuggire.

« Leggi il seguito di questo articolo »

Posta Elettronica Certificata: quali alternative?

25 giugno 2010 § Lascia un commento

La legge che introduce l’obbligatorietà della PEC per aziende e professionisti cita la possibilità di utilizzare tecnologie alternative.
Sono in molti ad avere accolto con favore questa piccola aggiunta alla versione precedente della legge. Non siamo costretti ad utilizzare esclusiamente la PEC come strumento di corrispondenza legale, ma possiamo adottare anche tecnologie equivalenti.
Bene! Ma cosa vuol dire questo in pratica?

« Leggi il seguito di questo articolo »

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria Tecnologie su Andrea Chiarelli.